Collezione Bloom

Oltre la metà della popolazione ammette di essere il peggior critico di sé stesso. La percezione di noi stessi è molto inferiore rispetto alla realtà. Sentirsi belle é il primo passo per vivere felici, abbiamo quindi deciso di dedicare la prima collezione a questo argomento. L'obiettivo é quello di raccontare la bellezza delle emozioni, la verità, così com’è, nuda e cruda, nella sua meravigliosa libertà di espressione. 

Nascita del progetto

E' stato un percorso personale, vero e trasparente, ispirato ad una fase di fioritura. Coraggiosi, liberi e pronti ad abbracciare un nuovo capitolo della propria vita, senza paura di esprimersi nelle proprie molteplici sfumature.

Perché?

Perché col tempo ho imparato ad essere clemente con i miei errori, serviranno a comprendere, ad essere amorevole con tutte le mie parti, anche quelle più scomode, perché sono proprio quelle bisognose di amore. Siamo troppo duri con noi stessi. Siamo troppo esigenti. Quando un equilibrio viene mosso, una novità ci colpisce é un pó come se dessimo un calcio alla polvere sedimentata sotto di noi, e allora é lì che si comincia un pó a starnutire. Ho capito che bisogna accettare  un dolore. Se la polvere si alza, prenditi il tempo per arieggiare la stanza, fai gli starnuti che servono, ripulisci la stanza e finché non ti sentirai ripulita rimani lì.

Tempo. Pazienza. Amore. E’ il tuo percorso, di nessun altro. Non c'è fretta. Non averne. Fare del nostro meglio è anche non pretendere di essere costantemente forti. Sarebbe irreale. Reputiamo "normali" altri, al di fuori di noi, ma il "noi" che pensiamo di conoscere, lo conosciamo veramente? io credo che la consapevolezza ci rende normali, nella misura in cui qualcosa sia normale per noi, non ci sono metri di misura per la normalità. Ci siamo noi. É che alle volte, ci dimentichiamo di conoscerci.

Torna al blog